Recovery fund, la campagna per l’istruzione gratuita

Pubblicato da Arci Bassa Val di Cecina il

Nel giorno della presentazione all’Europa dei progetti relativi al Recovery Fund nasce la campagna “Istruzione gratuita per il futuro del Paese”, con l’obiettivo di chiedere di riportare la spesa pubblica in Istruzione al 5% e abolire i costi dell’istruzione. 

“Siamo tra gli ultimi paesi europei per numero di laureati, per borse di studio e posti alloggio, uno dei primi con le tasse più alte e un’enorme difficoltà a garantire un’emancipazione dalla propria famiglia: i giovani se ne vanno di casa in media a 30 anni – dichiarano i promotori della campagna – La stessa situazione della pandemia ci ha dimostrato che oggi più che mai abbiamo bisogno di medici e di insegnanti, di cittadini formati e di laureati.” 

“E’ per questo che nella giornata di oggi, durante la presentazione all’Europa dei progetti per il Recovery Fund, stiamo lanciando la campagna “Istruzione gratuita per il futuro del Paese”, con un webinar a cui parteciperanno docenti, esperti, attivisti, oltre alle realtà promotrici, per dimostrare che la gratuità dell’Istruzione non è un’utopia ma una possibilità concreta per tutte e tutti. Ora più che mai è necessario eliminare i costi legati all’istruzione e riportare la spesa pubblica in Istruzione almeno al 5% del PIL” proseguono i promotori.

“In questa situazione, dopo anni in cui ci hanno abituato alla retorica dei sacrifici e dei “soldi che non ci sono”, dobbiamo cogliere la grande opportunità che si aprirà nei prossimi mesi: una parte del Recovery Fund dovrà andare a finanziare la completa gratuità dell’Istruzione affinché il rilancio del sistema formativo garantisca anche un futuro e un rilancio al Paese tutto.” concludono i promotori.

Le realtà promotrici:

Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani (ADI)
Associazione Ricreativa Culturale Italiana (ARCI)

Chi si cura di te?

Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL)

Federazione Lavoratori della Conoscenza – CGIL (FLC – CGIL)
Link – Coordinamento Universitario

Rete degli Studenti Medi

Sbilanciamoci!

Unione degli Studenti

Unione degli Universitari


0 commenti

Lascia un commento

X